L'ODONTOIATRA CON IL PALLINO PER L'HOCKEY


A colloquio con Marco Vigoni: dall'Italia al Ticino scoprendo passione per uno sport visto per anni da lontano.


Qual è il suo rapporto con lo sport? 

"Parlare di sport spesso significa parlare della propria vita: fin da bambini la pratica sportiva è una costante compagna nella crescita di ognuno di noi, sia per chi si professa sportivo, sia per chi crede di non averne bisogno. Lo sviluppo di una persona dal punto di vista fisico e caratteriale avviene tramite un insieme di stimoli e attività che le permettono di formarsi, e lo sport assume in questo contesto un ruolo fondamentale; permette di confrontarci e di conoscere al meglio il nostro fisico, di fortificare il nostro carattere e spesso può diventare lo specchio della nostra vita: il rispetto ver-

so il nostro corpo, le regole comportamentali e le motivazioni sono parte integrante della nostra esistenza. Non a caso, si dice che lo sport è una palestra di vita, perché le regole e l'impegno che richiede esprimono la direzione in cui lo sportivo (e anche il non sportivo) ha la possibilità d'imparare a stare al mondo".

E a livello personale cosa aggiungerebbe?

"Personalmente, lo sport è stato per molti anni una piscina nella quale il confronto con il tempo di percorrenza della vasca era lo stimolo a fare sempre meglio. Allenamenti, sacrifici, attenzione agli istruttori e sane abitudini. Sport è saper fare anche delle scelte, come quando al liceo, pronto per le finali dei campionati giovanili nazionali a Roma, dovetti fermarmi perché la professoressa di latino mi "chiese" di non partire a causa di un compito in classe (per la prof.) irrinunciabile. Fu difficile sopportare questo invito, ma la vita è fatta di priorità".

Cosa l'ha portata ad aderire ed entrare nella famiglia bianconera, in particolare in un gruppo di persone molto vicine come quelle del Golden Wings?

" Sport per me è anche confronto, passione e parzialità. Durante gli anni universitari ho avuto la possibilità di studiare con un mio amico di Varese, che tra un libro e l'altro mi portava al palazzetto del ghiaccio a vedere le partite dell'hockey club cittadino. Divenni subito tifoso (colori giallo-nero ... ) e appassionato perché, il calcio al quale ero abituato, rispetto ad una partita di hockey mi sembrava troppo statico e meno coinvolgente. Purtroppo però a Pavia (mia città di origine) di hockey non se ne parlava e a dire il vero neanche la TV italiana o i giornali sportivi nazionali ne facevano cenno e quindi persi un po' l'interesse".

E quando si è riaccesa la fiamma? 

"Giunto a Lugano sei anni fa, accesi il televisore di casa e mi si presentò come prima immagine un derby. Da allora ho un'unica fede, ed è bianconera. Cominciai a seguire la squadra prima in TV e poi dalle tribune dell'attuale Cornèr Arena, che oggi è diventata un riferimento importante anche per l'attività di mia figlia Clara, che da tre anni fa parte del Club pattinaggio artistico Lugano".

E poi il GWC?

"Tre stagioni fa ho raccolto con entusiasmo gli inviti del mio carissimo amico, l'arch. Gianluca Lopes (Artech SA, Studio d'architettura Lugano) che mi fece conoscere l'ambiente della Golden Wings Club e dove ebbi la possibilità di seguire col gruppo quasi tutte quelle partite di playoff. L'entusiasmo di quell'esperienza condivisa mi ha spinto a presentare al presidente Andrea Gehri la domanda

per entrare a far parte del club. Un regalo più bello la città di Lugano non poteva farmelo. Entrare nel gruppo mi ha avvicinato in modo tangibile alla squadra e mi ha permesso di partecipare ad esperienze sportive uniche come la trasferta dell'anno scorso in Finlandia per gli ottavi di finale della coppa dei Campioni".

Lei è titolare della Maloclinic di Lugano. Di cosa vi occupate in particolare?

"La mia professione di medico odontoiatra è legata ovviamente alla cura delle patologie della bocca, ma l'attenzione alle esigenze riabilitative di pazienti con problematiche occlusali (masticazione) importanti mi ha portato ad approfondire in modo continuativo ogni aspetto legato all'equilibrio di tutti quei fattori che contribuiscono alla stabilità della nostra salute orale. Il mio studio di Paradiso è affiliato ad un gruppo internazionale legato alla figura di Paulo Malò, conosciuto nel mondo odontoiatrico come uno dei più lucidi e intraprendenti innovatori nel campo delle riabilitazioni orali complete a sostegno impiantare" .

Lavorate in prevalenza in Ticino o con l'estero?

 "La mia attività clinica è concentrata nello studio di Paradiso, anche se ho mantenuto un rapporto di collaborazione didattico con un'importante centro universitario milanese che mi stimola ad un analisi attenta delle tecniche più aggiornate ed efficaci da condividere con quei colleghi che arrivano a Milano per impararne le peculiarità" .

Torniamo al Golden Wings Club (GWC), quanto è utile questa piattaforma per il suo network?

"Conoscere i giocatori e la dirigenza mi ha permesso di confrontarmi sia dal punto di vista sportivo sia professionale; è nata proprio sul pullman verso l'aeroporto di Helsinki una collaborazione con lo staff medico per il soccorso ai giocatori nel caso di traumi coinvolgenti l'apparato dentale. All'inizio di questa stagione ho discusso con il dottor Marco Marano, medico responsabile del servizio assistenza e preparazione dei giocatori, di un progetto che, attraverso la costruzione di paradenti equilibrati con tecniche elettromiografiche adeguate, possano non solo proteggere al meglio i giocatori dai traumi diretti, ma anche ottimizzarne (per quanto possibile) l'equilibrio posturale" .

Senza svelare i dettagli (ovviamente siamo discreti) può sostenere di avere allacciato alla Cornèr Arena contatti utili per il suo business?

"Tornando alla frequentazione della Lounge del GWC posso certamente dire che è diventata per me una grossa opportunità di crescita dal punto di vista sportivo. La presenza di "tifosi storici" estremamente competenti mi permette di approfondire gli aspetti tecnici e sportivi, facendomi apprezzare al meglio le performance della squadra. Dal punto di vista professionale credo poi che il frequentare un ambiente di professionisti e imprenditori affermati sia certamente uno stimolo a crescere nella mia professione, al fine di poter essere apprezzato non solo come tifoso, ma anche come professionista" .

SCOPRI COME RITROVARE IL TUO SORRISO MIGLIORE

Contattaci per scoprire come possiamo aiutarti ad avere denti sani, belli e funzionali  

 Copyright 2018, Dental Biomed SA, Via delle Scuole 17, 6900 Paradiso

Enter your text here...